mercoledì 24 gennaio 2018

I mitici - Volume IV: Allen "Gut" Terk.

La sua è stata una vita all’insegna della controcultura, a 360°.

Gut ha vissuto il suo tempo.

Fondò insieme a Terry the Tramp e Mother Miles, sulle ceneri degli Hellbent for Glory, la sezione North Sacramento degli Hells.



Vivevano una situazione molto bohemien, tipo Frisco.
I contatti con i beatniks, gli esponenti del jazz, i poeti contestatori erano continui, come ricorda Hunter S.T., ma a seguito di molti arresti e troppo fiato sul collo si trasferirono nella God’s County.
Così chiamavano la bay area, dove ad Oakland trovò la morte nel 1965, in un incidente stradale, Mother Miles, la cui foto del funerale su Life magazine del 28 gennaio 1966 pare ispirò Roger Corman a girare “All the fallen angels”, titolo originario di The wild angels.


Gut si trasferì a San Berdoo, come appare nelle famose foto di repertorio di Billy Ray (al centro) per Life magazine.

(con l'amico di sempre Beatiful Buzzard)

Moudly Marvin diceva di Gut:

"You know what’s cool? Being cool. I have got some brothers that are so fucking far beyond cool that it is unbelievable. I have one brother that is so fucking cool it almost breaks your heart. Number one, he is the world’s oldest juvenile delinquent, cause that’s what he is, a juvenile delinquent. You know how when you where a kid and there was this one guy around that was just too fucking cool? I mean the way he walked, the car he drove, the girlfriend he had, I mean even the way he stood was cool. You know like Fonzie wished the fuck he was and was never ever even able to get close to. Anyway you know what I mean about cool? Well that is how my one brother is; I mean way beyond cool, way cooler than the cool guy in your neighborhood could have ever been. When he brings some thing new to your attention, you know that he has thought about this thing for weeks, from every angle, in every light, bounced it off of things, I mean beat it to death before he ever mentions it. Then he asks “Hey bro, what do you think of this idea I have?” What do I think? I think I’m so fucking honored just to have Gut ask me what I think that most times I can’t even begin to think of a response. Any way, he has got super cool cars from the fifties, cool motorcycles, he is just super cool. I got all kinds of cool brothers. Goddamn it’s hard being cool. It takes an awful lot of fucking work, but it’s worth it. But if you ain’t cool, forget it; nothing can help you, all the money in the world won’t buy cool."

Poi Gut tornò al nord con l’intenzione di riprendere gli studi e dedicarsi all’arte.

(con Neal Cassidy a sx)

Fece parte dei Merry Pranksters con Ken Kesey, partecipò alla decorazione del bus “Further” con Rick Griffin.

E’ stato direttore creativo per i Jeffersone Airplane, direttore creativo e manager per i Blue Cheer e grafico per i Grateful Dead.

Tra i suoi migliori amici ricordiamo Jerry Garcia , con coi condivideva la data di compleanno che hanno festeggiato assieme per 8 anni, Janis Joplin (Gut era alla Firehouse durante la sua audizione per Big Brother and the Holding co.), Jack Kerouac e Ken Kesey.



Gut ha disegnato i due “SoKol hall” poster per gli Hells, la prima t-shirt ed il primo adesivo per i Grateful Dead, vari poster e copertine di dischi per questi gruppi musicali rammentati. Ed il poster “Acid test graduation party”.


Si sposò con rito indiano nei boschi e sparì dalla circolazione salpando il pacifico con la moglie, David Crosby, Bob Wilson, Peter Fonda e Barry Hilton.







Negli anni 80 trovò la sobrietà e divenne un cowboy.

(con la nipotina - courtesy of his daughter) 

Due anni fa’ decorò la copertina del libro “Halfway to Berdoo”.


Gut è mancato lo scorso giovedì, alla vigilia del compleanno di Janis.
Se c’è davvero l’aldilà, venerdì sarà stata una festa pazzesca. 



 - These priceles pics and stories are courtesy of Outlaw Archive instagram page. Lots of thanks to let me sharing. -


giovedì 23 novembre 2017

mercoledì 15 novembre 2017

1st Swap Meet Born Losers & Ferri Vecchi Crew.

Gran bella giornata di swap meet e bella serata di festa improvvisata.
Bravi ragazzi! Grazie per l'ospitalità, sempre al meglio.

Complimenti e grazie ad Andrea Degrada per le belle foto.
"te la senti abbestia!"